lunedì 16 aprile 2012

[da Messaggero.it] Io c'ero... :D



ROMA - Un migliaio di persone hanno gremito sin dalle prime luci dell’alba la hall dell’Hotel OP, in viale Oceano Pacifico a Roma, zona Eur. Alcuni hanno dormito in sacchi a pelo di fortuna, arrivando di notte dalla Puglia, dall’Emilia Romagna, dal Friuli. Nessun concorso medico stavolta, né l’apertura di un nuovo megastore. In palio, semplicemente, l’ambita selezione per la seconda edizione del talent-show tra i più seguiti della tv italiana, Master Chef.

Lunghe file per partecipare al provino. Appuntamento per tutti alle 8 in punto, con l’invito da parte della redazione di Magnolia (la proprietaria del format e produttrice della trasmissione per Sky) ad arrivare il «prima possibile», per accaparrarsi il numeretto e poter essere selezionati in tempi brevi.

Gli aspiranti: casalinghe, disoccupati, camerieri. Tempi d’attesa, in realtà, comprensibilmente molto lunghi, per via delle centinaia di persone presenti, per lo più casalinghe del Centro Italia, ma anche molti studenti universitari, disoccupati e qualche cameriere o aiutante cuoco che vorrebbero compiere il salto di qualità.

La prova: un piatto da chef. Ai provinati, che dovranno affrontare, qualora scelti, altre due selezioni a Milano, era stato chiesto di portare un piatto già pronto cucinato evidentemente la sera prima (o al mattino prestissimo), potendo utilizzare in loco soltanto un forno a microonde. Una prova ritenuta da molti concorrenti non attendibile, per via dell’alterazione del gusto di un cibo precotto rispetto ad uno cucinato espresso. E chi lo dice poi che quel piatto non sia stato realizzato da qualcun altro?

La giuria. A giudicare il nuovo Master Chef c’erano i tre tenori della cucina (televisiva) italiana, i giudici amati e odiati per la loro severità, Bruno Barbieri (il buono), Carlo Cracco (il bello), Joe Bastianich (il cattivo). Le selezioni proseguiranno nei mesi di maggio e giugno riprese dalle telecamere di Sky Uno e Cielo. L’ampio backstage andrà in onda subito dopo l’estate, appetitoso prequel dell’attesa seconda stagione di Master Chef Italia.

*****

A bocce ferme ne parlerò...

1 commento:

Shamira Gatta ha detto...

Ciao Slvano, tu c'eri domenica, vero?