venerdì 21 ottobre 2011

15 / 15 - 15 = SCELTA


È tempo di tirare le somme sui miei nove mesi di palestra.

Le palestre sono state sempre un luogo a me sconosciuto, un posto che non conoscevo e che non volevo conoscere, dove non mi sarei trovato a mio agio e, soprattutto, dove avrei dovuto fare quella tanto odiata attività fisica, cosa che non facevo da quando andavo alle medie.

Nel gennaio di quest’anno, soprattutto in vista del prossimo impegno cinematografico, ho deciso di vedere se la cosa era fattibile, se potevo un minimo affrontarla e, praticamente di punto in bianco, mi sono iscritto per sei mesi.

All’inizio era un vero casino, era troppo faticoso, era un ambiente sconosciuto e mi chiedevo cosa cazzo ci facevo io lì, con l’andar del tempo mi sono un minimo ambientato ed il tutto non è poi così male, anzi, certo la fauna è variopinta, ma ci sono anche persone con cui è possibile scambiare due parole pur tirando dritti al termine dei propri allenamenti.

Il punto lo faccio oggi perché ieri, per la prima volta, ho corso 15 minuti filati, quanti mi sono stati richiesti, costantemente alla stessa velocità, cosa che per una persona di 150 chili abbondanti è una cosa apparentemente impossibile, fra chiacchieroni che dicono che non dovrei o che sarebbe meglio se…

Il 15 torna anche conteggiando i chili persi da gennaio ad oggi, anche se apparentemente possono sembrare anche di più per via dei muscoli che comunque hanno in parte cambiato la mia fisionomia.

Certo ho dovuto cambiare anche abitudini alimentari, magari dovendo sopportare quel petto di pollo al forno la sera o i rutti al sapor di merluzzo che mi porta l’omega 3, rinunciando, magari, alle 15 birre che potevo anche spararmi facendo nulla la domenica sul divano.

Pur sapendo che tutto questo è soprattutto merito mio non posso non ringraziare chi mi ha supportato ed aiutato, anche se ancora non è finito nulla, perché ora non posso certo adagiarmi sugli allori, devo invece scalare in quarta e volere sempre di più.

Un bacio.

Nessun commento: