giovedì 7 ottobre 2010

Si viene e si va comunque ballando...



Ho appena saputo che un'altra delle mie zia ha deciso di lasciare questa realtà per la prossima.

Piango come sempre in questi casi, penso a quanto non ho fatto in tempo a far tutto quello che avrei voluto poter essere più presente, ma penso che sia la sensazione che si prova sempre in questi casi, come sempre in questi casi si capisce di nuovo quanto tutto il resto abbia veramente poca importanza...

Risorgono ricordi belli dei momenti passati insieme quando ero piccolo e di come, quando ero grande, lei smentiva sempre tutti dicendo che io non ero mai cattivo, al massimo vivace ed il suo stupore nel vedermi ormai adulto e pacato.

Riaffiorano sapori ed odori e vicende, le ruote al burro, le mattine a casa sua quando non andavo a scuola, i miei cugini e quelle attenzioni che mi dava.

Poi come sempre l'allontanamento, la malattia e l'addio.

Non posso non spiacermi, in realtà tutti sapevamo che era solo questione di tempo, però arrivati a questo momento non è mai facile sinceramente.

Mi restano le sue raccomandazioni su quanto sia importante avere un lavoro ed una casa, idee magari lontane dalle mie, ma sicuramente più concrete e sincere di quanto io possa mai formularne.

Sono sicuro che ora zia Nanda sarà nella sua villa chissà dove a divertirsi con gli amici di sempre, attendendoci e sorridendo per come noi non capiamo ancora ciò che per lei ormai è normale. :)

Un bacio zia, a presto...

1 commento:

Lock ha detto...

Buon viaggio...