sabato 20 febbraio 2010

[Dante's Inferno] Come stupirsi…

In questi giorni mi sto dedicando a questo gioco da poco uscito per Xbox 360 e Playstation 3.

Pur partendo prevenuto, il gioco non è altro che un clone di quel tanto acclamato God of War che non ho mai apprezzato, l'esperienza si è rivelata ottima.

Nascosto dietro un violento picchiaduro di ottima fattura si cela un'opera ben studiata ed attinente al tema della Divina Commedia, con tanto di citazioni esatte e ben interpretate e uno studio dei personaggi ben definito e calzante.

Il gioco narra le vicende di Dante [un Dante, non quel Dante], crociato che al ritorno dalla terra santa ritrova la sua bella Beatrice [non quella] morta e come un medievaleggiante Orfeo decide di andarsela a riprendere.

Il tutto è arricchito da belle idee, come i personaggi storici che possono essere assolti o condannati e belle reinterpretazioni dell'opera, una fra tutte la trasposizione di Caronte.

Consigliato a tutti, non fidandosi però della demo dei vari network, troppo sbrigativa per assaporare a pieno quest'impeccabile sanguinaccio videoludico.

1 commento:

Lock ha detto...

com'è la localizzazione? non mi è sembrata così malvagia ma ho letto di gente scandalizzata.