venerdì 26 giugno 2009

Trolleggio...

La scomparsa di Michael Jackson ha causata un intasamento violento di internet e dei forum più o meno di settore.

Su uno di essi ho iniziato a trolleggiare, cosa che faccio raramente che che non ho troppo in simpatia, fino a quando a chi mi ha chiesto spiegazioni sul perchè di un mio comportamento del genere ho risposto in questo modo:

"la cosa e' difficile, come e' difficile capire che una cosa del genere non serve a nulla al defunto, e' solo una manifestazione di puro onanismo per i vivi che ammirano la vita degli altri trascurando la propria.
e con questo chiudo."

Il messaggio è stato dopo pochi minuti censurato dal moderatore.

Possibile che ad una provocazione più o meno utile ci si ribelli subito e soprattutto comodi comodi sulla propria sedia, quando se la stessa cosa fosse fatta a voce probabilmente si sarebbero presi la mia protesta senza rompere troppo il cazzo?

Com’è comodo ribellarsi dietro uno schermo…

Apollo 54 a Sugo

Se ne va anche Michael...

Stamattina al risveglio la notizia e, so perchè, la cosa mi ha preso male.

Da Bad non l'ho più sentito, ma quella cassetta da 90, con dall'altro lato Jovanotti For President, è uno dei motivi perchè ora lo stereo portatile che ho è una semplice radio. :)

E vabbè, anche la vita è un contratto a tempo, ce se pò fa proprio poco...

giovedì 25 giugno 2009

Che me posso regalà?

È questo il pensiero che mi è venuto stamattina pensando alla giornata, onde poter digerire il momento che vivo.

Il problema è che comunque qualsiasi cosa io mi possa regalare non mi libererebbe dal tornare a mangiare il mio cucchiaio di merda giornaliero anche domani, quindi a questo punto la cosa diventa completamente inutile.

Ma perché cose simili mi vengono in mente sempre il giovedì?

mercoledì 24 giugno 2009

Una pesca, una bambola che amerai...

Ieri ho visto il film Coraline al cinema.

Devo ammettere che questo cinema 3D rende veramente bene, ci sono ancora diverse sporcature, ma l'immersione è veramente totale.

Parlando della pellicola devo dire che mi è piaciuta a metà, nel senso che è tutto curatissimo, la regia è buona, i personaggi ben caratterizzati ed animati, ma, purtroppo, è troppo, troppo, lungo.

Le ottime idee, anche se visivamente ricalcano forse troppo quelle di Zelda Twilight Princess ed Il Labirinto Del Fauno, sono accattivanti, ma, ancora purtroppo, la reiterazione delle situazioni e quel momento topico che tarda ad arrivare porta lo spettatore, almeno me, ad annoiarsi presto dello svolgimento.

Comunque non ho, ancora, letto il libro, quindi non posso dire se effettivamente i difetti riscontrati possano essere della trasposizione o dell'opera originale, d'un grande autore come Neil Gaiman oltretutto.

Diciamo che comunque una durata ridotta che avesse strizzanto l'occhio allo svolgimento avrebbe aiutato, anche se il tutto rimane un piccolo capolavoro da vedere.

Buona visione. :)

sabato 20 giugno 2009

Momenti di grande cestino...


Con un lavoro sedentario come il mio è importante dedicare tempo all'attività fisica; ecco come io ed il mio collega Giuliano ci teniamo in forma dopo il pasto giornaliero offertoci dal fornetto vicino all'ufficio...

Sentirsi un vero uomo

Questa la capiamo in due, però, vabbè, ecco un indizio per gli altri...

Baci. :)

venerdì 19 giugno 2009

Sir Conad

Ieri recandomi al supermercato Sir sotto casa ho trovato diversi cartelli che dicevano che la carta punti doveva essere convertita nella carta Conad. Chiedendo alla cassa ho risposte vaghe, grugni e risposte di chiedere al personale presente all’ingresso.

Oggi cercando su internet trovo qui notizie su quello che effettivamente stà succedendo, Conad piano piano ingloberà Sir, facendomi capire come mai oltretutto ci sia stato una rotazione di alcune marche di prodotti negli ultimi mesi nel punto vendita.

Ora a me non cambia nulla, ma agli impiegati del negozio a questo punto si. Certo non è che mi chiude il droghiere sotto casa e in fin dei conti per me il cambio probabilmente sarà vantaggioso, solo spero che non ci rimettano la testa quelle persone che nel bene o nel male vedo spesso e che comunque sembra brava gente.

È vero che c’è la crisi, è vero che qualcuno dovrà perdere il posto, vorrei solo capire perché quando succedono cose come queste chi lo prende in culo è sempre il più debole.

Speriamo bene.

lunedì 15 giugno 2009

Lost in Berlusconi

Terminator Salvation

Inizio dicendo che a me è piaciuto.

È un film che si lascia vedere e che riesce ad essere coerente con il resto della produzione legata al personaggio, ci sono chicche interessanti per chi conosce bene la storia ed i personaggi e, se si ignorano le poche cazzate che ci sono e c’erano negli altri.

Non aspettatevi di vedere un film di Fellini e rilassatevi lasciandovi trasportare dove avete sempre voluto essere da quando avete visto il primo capitolo, andando poi a rispolverare i precedenti, perché ci sarà sicuro qualche collegamento che non vi ricordate. :)

Poco altro e aspettiamo di vedere quale altro pezzo del puzzle ci svelerà il prossimo.

giovedì 11 giugno 2009

Ah, le carie...

Oggi finalmente ho affrontato uno dei pensieri che mi portavo appresso da anni, una carie ad un molare che mi preoccupava troppo.

In realtà l'intervento e' stato tranquillo e l'anestesia quasi divertente con il suo farti sembrare la bocca gigante, alla fine il dentista mi ha dato una pacca sulle spalle e mi ha detto bravo e quando ho chiesto il perchè ha risposto perchè non hai pianto. :D

Mi ha anche rassicurato sul fatto che i denti sono sani e lo smalto forte.

Insomma un pensiero in meno e ci si rivede fra sei mesi.

Un bacio e godetevi la clip di un grande grande film... :)

mercoledì 10 giugno 2009

Si può fare…

Spesso vedo esempio di persone che vivono la propria esistenza nel modo in cui vogliono, facendo per vivere qualcosa di appagante per loro stessi qualsiasi cosa sia, magari non facilmente ma ci riescono e ne vivono. Sono però persone lontane, lontanissime, dalla mia realtà di oggi.

Ancora più spesso, e forse per la mia situazione, vedo persone, e mi metto in questa categoria io stesso, che passano la vita a vendere il proprio tempo in cambio di quei quattro spicci che gli consentono di portare avanti un’esistenza decorosa, sacrificando però tutto il resto ed accumulando così importanti esperienze che faranno un giorno o sogni che solo per mancanza di tempo forse non realizzeranno mai.

Sono, siamo, persone che si accontentano e non nell’interpretazione corretta del detto chi si accontenta gode.

Facciamo cose che non faremmo mai, frequentiamo persone che non scegliamo, siamo dove non dovremo essere per andare avanti e tutto ciò ci toglie la forza e lo stimolo di capire come cambiare la nostra situazione, inculcandoci la paura di cosa domani potrebbe mancarci.

Oggi sono nuovamente al limite e vorrei riuscire a reagire o capire come farmi piacere questa vita, ma più che altro come riuscire ad aggiustarla, non sapendo sinceramente neanche da dove cominciare, essendo però certo che un modo si possa trovare…

Vedremo… magari domani vado al mare...

lunedì 8 giugno 2009

Mal d’America.

Ogni tanto mi prende e sicuro già ne ho parlato qui.

Oggi è uno di quei giorni, spulcio fra immagini di città, controllo di prezzi di biglietti e ricordi di cibi assurdi, progettando un improbabile settimana a Las Vegas di qui a breve… :(

Baci.

venerdì 5 giugno 2009

Bromuro per me.

È ufficialmente scoppiata l’estate e con essa il mondo si è ripopolato di belle giovini in abbigliamento succinto che infestano strade, piazze, stazioni e metro.

Per una persona sensibile come me è veramente un martirio.

AIUTO! :)

giovedì 4 giugno 2009

Mio figlio/a saprà fare tutto.

Negli ultimi tempi a casa mia succedono cose inattese.

Antenne della tv che vanno sostituite, caldaie che si rompono... oggi, last but not least, parte dell'intonaco di un muro che era sollevata a causa di umidità ormai debellata, anche per mia colpa, si crepa e si stacca.

Prontamente sono andato dal ferramenta ed armato di spatola ed americana ho fatto ciò che ho potuto.

Ora mi immagino il panico se fossi stato un pago/pretendo o un mulino bianco nel constatare tale rottura, invece mi sono armato di attrezzi e santa pazienza ed ho rimediato alla cosa, seppur come potevo, ma senza arrendermi.

Facendolo pensavo a come è importante sapersi mettere in gioco in questo modo e non arrendersi, ed è per questo che desidero che un ipotetico erede sappia come cavarsela in certe situazioni alquanto strane, e con le proprie forze. :)

Speriamo che non crolla la toppa facendo un botto assurdo... un bacio.

Genio alle Europee.

martedì 2 giugno 2009

Welcome back Fab Four...

C'è chi passa la vita a fare cose del genere... noi che facciamo a parte giocarci e a ripeterci che bisogna trovare una soluzione?

Cercando di capire come fare per il momento se la famo pià pacificamente a male, pensando che prima o poi...

... comunque il gioco sarà una meraviglioso acquisto sicuro.

Mio padre nel volto degli altri.

Ci sono volte in cui mi capita di vedere mio padre negli sconosciuti che incontro per strada.

Il primo impulso è sempre quello di chiedere se è lui, il pensiero successivo è quello che non lo è e non c'è più, c'è poco da fare.

Si starà divertendo da qualche altra parte e chissà che non lo riveda dall'altra parte... :)

Bella.

Capire se ne vale la pena.

La sfida è terminata. Sono passati 30 giorni e, anche se con un paio di sgarri dell'ultimo minuti, sono arrivato in fondo.

Ora bisogna riuscire a comprendere a cosa è servito tutto ciò. Probabilmente mi ha fatto comprendere che non è necessario imbenzinarsi per godersi la vita e che la maggior parte delle volte, se non sempre, è totalmente inutile anche solo cominciare a bere. Avvalendomi della sagra dei luoghi comuni devo ammettere che alla fine non è che la situazione o il feeling con la tessa cambi se ci si alcolizza o meno.

Penso che piano piano riuscirò a capire come e quando bere e, magari, riuscirò ad evitarlo a lungo.

Vedremo, intanto siamo arrivati dove volevamo... :)