lunedì 13 aprile 2009

... io qui ci sono nato...

Oggi rientrando ho visto davanti al mio portone un nucleo familiare. Pensando fossero acquirenti di un appartamento alla domanda del più anziano del gruppo sul mio eventuale ingresso nel portone ho risposto "... si e allora?" ricevendo un "... nulla, perchè io qui ci sono nato..." da quella persona così semplice che sembrava avere l'entusiasmo di un bambino.

Si è presentato e mi ha presentato gli altri, figli ed un nipote, ed ha cominciato a parlare del palazzo, ha detto che sul lato destro c'era un'osteria, che c'era la fontana ed il pavimento era lo stesso, poi entrando nel cortile ha indicato una finestra dicendo che lui era nato li'.
Mi ha fatto nomi ed ha raccontato un paio di aneddoti sul palazzo, chiedendomi da quanto ci abitavo. Io gli ho detto che ho le chiavi della terrazza e che se voleva gli facevo strada, ma ha rifiutato.

La cosa mi ha fatto molta tenerezza e mi ha arricchito dentro per la sua semplicità, oltretutto immaginare una cosa del genere per una persona alla fine giovane come me è assurdo, una Roma di metà novecento in una costruzione che, probabilmente ultimata da poco, aveva il fascino di un tempo, che se pur mantenuto ora risente degli anni trascorsi.

Forse è solo per poter far rivivere questo piccolo ricordo a questa persona che ho scelto proprio questa casa, chi può dirlo?

Un bacio.

Nessun commento: