lunedì 26 gennaio 2009

Lavoro moderno...

Non è un segreto che negli ultimi tempi stò cercando lavoro e venerdì scorso mi reco ad un colloquio con una ditta per un non ben chiaro impiego, la è tempo. Mi parlano di un lavoro di magazzino, di un impiego poliedrico e mi fissano un giorno di prova per oggi, lunedì.

Sabato giornata tranquilla a casa e ieri proiezione a Bracciano seguita da cena e birretta, col pensiero alla giornata di prova oggi ed il rientro all'una passata, ma per fortuna non ho rinunciato a nulla.

Oggi mi alzo bene anche avendo dormito poco e mi reco all'ufficio. Mi affidano dopo ad una dottoressa di quelle che non curano le malattie. Tale dottoressa comincia a spiegare e me ed ad un'altra ragazza che la ditta, la sempre acceso, ha diverse attività, usa termini inglesi fuori luogo e, senza specificarlo, ci fa capire che è c'è una gerarchia piramidale.
Ci parla di come sono riusciti a fidelizzare impiegati, e famiglie, a Mc Donald e al calcio. Ci spiega le agevolazioni con 3 e Sky, soprattutto per la nuova clientela. Insomma tutte cose di poco interesse per me.

Ci uniamo ad un gruppo di persone, siamo dieci in tutto, e "decidiamo" di spostarci in zona ottaviano per l'attività. La cosa non mi convince, ma li seguo. Durante il viaggio ci sono domande e risposte, io cerco di essere sincero, ma vedo che tutti si stupiscono, soprattutto del fatto che non seguo tv e calcio.
Il viaggio passa silenzioso in metro e le persone del gruppo mi appaiono tutte comparse di un film già visto.

Arrivati a ottaviano ci sorprende la pioggia e ci rifuggiamo in un bar per poi cominciare davvero. Il lavoro in pratica è quello di andare a cercare di vendere in zone varie telefonini o contratti. Quando lo capisco chiedo educatamente quanto del lavoro è svolto così, comprendo la situazione, ringrazio e saluto.

Praticamente questi sono quei tizi giacca e cravatta che ti fermano per strada e ti chiedono che gestore telefonico hai o se hai Sky, quelli a quali si solito rispondo cazzi miei...

Insomma con un piccolo inganno mi sono trovato in una situazione scomoda, odio essere fermato da persone che vogliono convincermi che il prodotto che ho è peggiore di quello che cercano di vendermi. Mi stupisco ancora che ci sia gente che accetti di fare un lavoro del genere, sotto pagato e senza futuro. E del fatto che si dia così importanza a stronzate come il numero di telefonini che uno ha, ma si vede che probabilmente non hanno altro nella vita.

Senza cercare di entrare in competizione con queste persone io penso che non è possibile sottostare ad un lavoro del genere, oltretutto pensando che sia una cosa normale, che non si è trovato di meglio o che è così perchè è così, ledendo oltretutto l'evoluzione del genere umano se prolungato nel tempo.

Cazzo, il lavoro impiega una fetta cospiqua della giornata e stare a disposizione 12, dodici, ore al giorno per una cosa del genere è semplicemente follia, qualsiasi sia lo stipendio. Non è che io sono meglio perchè magari sò che null != null, ma che non ci sono giustificazioni per rompere le palle alle persone per stronzate del genere.

Il problema è che l'unico modo per fermare una cosa del genere è non accettare impieghi del genere o cercare di meglio se al momento si svolgono. Tutto è molto più facile di quello che si crede ed è giusto che ci si fermi in tempo, quindi facciamolo.

Baci cari.

Nessun commento: